“CAPACI DI FUTURO: LA SFIDA 2030”

 CPIA BRINDISI - SEDE ASSOCIATA PRESSO IPSSS MORVILLO FALCONE

La capacità di costruire il futuro si realizza attraverso il processo educativo - formativo e l’acquisizione di competenze che non possono ignorare il destino planetario del genere umano e divengono lo strumento-chiave per lo Sviluppo Sostenibile, che, nei suoi percorsi formali, non-formali e informali, coinvolge istituzioni e società civile in un processo di cambiamenti sostanziali. L’attenzione degli ultimi anni all’ambiente ha evidenziato un crescente aumento della sensibilità verso i grandi problemi della Terra ma non ha sconfitto la brutale indifferenza verso gli ambienti come luoghi di vita e di equilibrio tra le generazioni presenti e future, fino a configurarsi come una sorta di analfabetismo ecologico.

Sulla scorta di queste riflessioni, il progetto “Capaci di futuro: la sfida 2030”, intrecciandosi con l’azione formativa, sistemica, inclusiva e integrata, che caratterizza il nostro CPIA, ha inteso sviluppare e promuovere attraverso tre macro aree: Biodiversità”, “Sostenibilità alimentare”, “Green economy and Jobs”, afferenti ai Goal dell’Agenda 2030, comportamenti critici, consapevoli e collaborativi nei confronti dell’ambiente e delle tematiche ambientali. In particolare si è curata l’illustrazione dei legami diretti e indiretti tra le varie componenti ambientali, globali e locali, mettendo in evidenza le conseguenze dello stile di vita dei singoli e delle comunità, attraverso attività organizzate in contesti formali e non, avvalendosi anche del supporto di esperti del settore  e utilizzando il territorio come laboratorio didattico in cui trovare stimoli per la ricerca, la riflessione, la sperimentazione e la soluzione di problemi. Una tematica, quella della sostenibilità, che in un contesto come quello del CPIA, che necessita di una scelta educativa inclusiva in cui tutti possano  sentirsi dell’essere parte di e il far parte di, ha sicuramente agito da stimolo rispetto alla didattica tradizionale in genere poco efficace nel recuperare interesse e motivazione soprattutto in quei corsisti a rischio dispersione.

 

News inserita il: 05/06/2022

Questo sito utilizza cookie tecnici, proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo di tali cookie.

Dettaglicookies